tesitomonial civitanovamarche

Civitanova Marche (MC), ai nastri di partenza la 20esima edizione dell'ITALIAN CUP valida per la Qualificazione al Campionato Italiano ORC e vedrà la partecipazione come Ospite d'Onore di Vittorio Brandi, pugliese, già tedoforo alle Olimpiadi di Londra 2012 e PyeonghChang 2018.

fiaccole italian cup vittorio brandiRitorna il 2 e 3 giugno 2018 a Civitanova Marche (MC) l'ITALIAN CUP: Qualificazione per il Campionato Italiano Assoluto Vela d'Altura 2018. 
È il più noto appuntamento velico nazionale giunto alla sua ventesima edizione, in cui a darsi battaglia, saranno i più alti profili velici dell’intero adriatico.

Nelle giornate di sabato e domenica la regata d’altura darà spettacolo anche a terra, con il "Cocktail Martini" e degustazioni di prodotti tipici. 
Testimonial d'eccezione, di questa imperdibile gara velica, sarà Vittorio Brandi il "Tedoforo di Puglia", così battezzato dalle principali testate giornalistiche regionali, perché è stato tedoforo in ben due distinte Olimpiadi: i Giochi Olimpici di Londra 2012 e i Giochi Olimpici Invernali di PyeonghChang2018 in Corea del Sud. 
In entrambi i massimi eventi sportivi mondiali, Brandi è stato selezionato da SAMSUNG (worldwide partner delle Olimpiadi).
Due grandissime esperienze di vita e testimonianza diretta per l’ostunese, che impreziosirà la regata velica con un’altrettanto impatto visivo: l'esposizione al pubblico delle due fiaccole olimpiche. 

____________________________________________________

Il presente sito nasce con lo scopo di diffondere i valori dello Sport e l'inclusione sportiva.

Promotore del messaggio è Vittorio Brandi scrittore e Tedoforo ai Giochi Olimpici di Londra 2012 e Tedoforo alla XXIII Edizione dei Giochi Olimpici di PeyongChang 2018 in Corea del Sud.

La fiamma olimpica, o fuoco olimpico è portato dalla torcia olimpica e brucia durante lo svolgimento dell'Olimpiade nel braciere olimpico.

Le sue origini risalgono all'Antica Grecia, quando un fuoco veniva tenuto acceso per tutto il periodo di celebrazione delle Olimpiadi antiche.

Il fuoco venne reintrodotto nelle olimpiadi del 1928, e da allora fa parte del cerimoniale delle Olimpiadi moderne. Colui che porta per un tratto la fiamma olimpica viene detto tedoforo (portatore della "teda", fiaccola cerimoniale).

Attualmente la fiamma olimpica viene accesa diversi mesi prima della cerimonia di apertura dei Giochi olimpici, nel luogo delle Olimpiadi antiche, Olimpia (Grecia). Undici sacerdotesse (impersonate da attrici) accendono il fuoco ponendo una torcia all'interno di uno specchio parabolico concavo, che concentra i raggi del Sole.

La torcia viene quindi trasportata nella città che ospiterà i Giochi Olimpici con una staffetta formata da "tedofori". Tradizionalmente, la torcia viene trasportata a piedi, ma possono essere usati altri mezzi di trasporto (quando è necessario attraversare dei mari la si porta in aereo o nave).

 

 

 Video Olimpiadi di Londra 2012 i 300 m di Oadby.

 

 Video Olimpiadi di PyeongChang 2018 .

 

I Giochi olimpici sono un evento sportivo quadriennale che prevede la competizione tra i migliori atleti del mondo in quasi tutte le discipline sportive praticate nei cinque continenti.

Essi, pur essendo comunemente chiamati anche Olimpiadi, non sono da confondere con l'Olimpiade. Quest'ultima indica l'intervallo di tempo di quattro anni che intercorre tra un'edizione dei Giochi Olimpici e la successiva. Per questo, anche se i Giochi del 1916, del 1940 e 1944 non sono stati disputati, si è continuato a conteggiare le Olimpiadi, cosicché i Giochi di Londra 2012 sono stati quelli della trentesima edizione.

Il nome Giochi olimpici è stato scelto per ricordare gli antichi Giochi olimpici che si svolgevano nella Grecia antica presso la città di Olimpia, nei quali si confrontavano i migliori atleti greci.

Il barone Pierre de Coubertin alla fine del XIX secolo ebbe l'idea di organizzare dei giochi simili a quelli dell'antica Grecia, e quindi preclusi al sesso femminile, ma su questo punto non venne ascoltato. Le prime Olimpiadi dell'era moderna si svolsero ad Atene nel 1896. A partire dal 1924, vennero istituiti anche dei Giochi Olimpici invernali specifici per gli sport invernali. In più, esistono anche le Paralimpiadi, competizioni fra persone diversamente abili. A partire dal 1994 l'edizione invernale non si tiene più nello stesso anno dell'edizione estiva, ma sfasata di due anni.

La bandiera olimpica raffigura cinque anelli intrecciati in campo bianco, che simboleggiano i cinque continenti. I colori scelti sono presenti nelle bandiere di tutte le nazioni, quindi la loro combinazione simboleggia tutti i Paesi, mentre l'intreccio degli anelli rappresenta l'universalità dello spirito olimpico.

Il motto dei Giochi olimpici è Citius, altius, fortius, ovvero "Più veloce, più alto, più forte".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Leggi di più... Ok, accetto No, rifiuto